Esperienze welfare

Welfare e benessere organizzativo, l’integrativo Barilla

Dare continuità alle misure adottate negli ultimi anni e rispondere in maniera sempre efficace ai bisogni dei dipendenti con particolare riferimento alla conciliazione vita-lavoro. La promozione del benessere organizzativo in Barilla si concretizza attraverso una sensibilità ai temi della diversità e dell’inclusione (su cui le parti prevedono il coinvolgimento dei lavoratori attraverso specifici gruppi di lavoro), lo smart working e il welfare aziendale. Le misure di welfare previste dal recente accordo integrativo (21 settembre 2018) si concentrano su tre aree: sanitaria, previdenziale e sociale.

Area SanitariaL’azienda si impegna a versare un importo annuale di 50€ nel 2019 e di 100€ nel 2020 e nel 2021 al Fondo di solidarietà interna (per l’estensione delle prestazioni sanitarie ai familiari o per un aumento delle prestazioni al socio dipendente) oppure al Fondo contrattuale Fasa.

Area previdenziale. Versamento aggiuntivo individuale da parte dell’azienda di 50€ al Fondo di previdenza integrativa di settore (Alifond).

Area Sociale. Si riconosce ai dipendenti la facoltà di welfarizzare al massimo il 30% del valore del premio di risultato (definito nell’accordo Premio di produzione per obiettivi “PPO”) ovvero in prestazioni prioritariamente rientranti nelle aree della previdenza, dell’assistenza sanitaria, dell’istruzione e della genitorialità. Viene inoltre riconosciuto un ulteriore welfare aggiuntivo del valore del 10% della quota del premio convertito. La possibilità di convertire il premio sarà riconosciuta al raggiungimento di una soglia minima di adesione del 10% del personale a tempo indeterminato.

Ma la volontà dell’accordo di sviluppare e valorizzare la persona, con le sue capacità individuali e professionali, è rintracciabile non solo nella parte dedicata al welfare. Particolare attenzione è riservata infatti a materie quali la salute e sicurezza e formazione. Rispetto al primo ambito sono molte le iniziative implementate negli anni a sostegno della prevenzione della salute dei dipendenti (campagne sul rischio tabagismo, campagne di prevenzione per rischi sulla salute a livello cardiovascolare e lotta a diversi tipi di tumori, promozione di una corretta alimentazione e delle attività sportive). In tal senso si conferma l’impegno delle parti sociali per la diffusione di una cultura della prevenzione rintracciabile anche, e soprattutto, in materia di sicurezza.

Per un approfondimento sull’accordo Barilla si veda Rosafalco A., Tundo A., Storie di azione e contrattazione collettiva – Rinnovo integrativo Barilla: le buone relazioni industriali tra continuità e innovazione, in Bollettino Adapt, ottobre 2018, n. 33

Iscriviti
alla newsletter
Fornisco il consenso per la Privacy Policy