Il progetto e le sue finalità

Welfare for People è una piattaforma open access nata nel 2018 dal partenariato tra la Scuola di Alta formazione in relazioni industriali e di lavoro di ADAPT e da UBI Welfare.

Si tratta di un progetto di open innovation con l’obiettivo di analizzare, valutare e promuovere esperienze di welfare aziendale ed occupazionale. Vogliamo leggere il welfare soprattutto dal punto di vista delle relazioni industriali e dei territori, confrontandoci con imprese e parti sociali per incontrare la realtà concreta, spesso ignorata ma viva e creativa.

I lavori che avvieremo e alimenteremo, giorno dopo giorno con l’aiuto del nostro gruppo di ricerca, si propongono di:

  •  raccontare come il welfare aziendale non sia solo una modalità per ridurre i costi del lavoro o per superare le difficoltà del sistema pubblico, ma soprattutto una modalità e uno strumento per ripensare l’impresa, la produzione, l’organizzazione del lavoro e i territori ai tempi della Quarta rivoluzione industriale, della globalizzazione e di cambiamenti demografici ed ambientali;
  • monitorare tutte le tipologie di welfare sussidiario, bilaterale, contrattuale, aziendale, occupazionale al fine di segnalare le principali tendenze, delineare le linee di sviluppo contribuendo a fare sistema e ordine all’interno della ricchezza di esperienze, spesso sconosciute, già esistenti o nascenti;
  • coinvolgere e far parlare i testimoni privilegiati di questa trasformazione come aziende e imprenditori, istituzioni, sindacati, associazioni di categoria nell’ambito della analisi di casi studio aziendali e territoriali, a partire dai contratti presenti nella banca dati di FareContrattazione.

Il lavoro della piattaforma contribuirà alla costruzione annuale, intervallata da pubblicazioni intermedie, del “Rapporto sul welfare occupazionale e aziendale in Italia”. A questo scopo pubblicheremo articoli, contributi, interviste, casi studio, documenti ed eventi sui territori e rapporti a partire dall’attenzione su settori produttivi specifici e territori.

I nostri canali social